Fare Cose, Fare Cose Black Edition, Music, Weekend, Wonders of the Webs

Sfera Ebbasta Rockstar Tour 2018: tutte le date.

Nuove date per il tour 2018 di Sfera Ebbasta.

Oltre a quelle precedentemente annunciate si aggiungono le date del 21 Aprile a Firenze presso il Viper Theatre e del 4 Maggio a Roma presso l’Orion. Il tour prende ufficialmente il nome Rockstar, in promozione del nuovo album in uscita il 19 gennaio.

Il platinatissimo trapper di Ciny partirà il 7 Aprile dal Vox di Nonantola con un tour firmato Thaurus che continuerà per tutta la primavera toccando club in tutta Italia. Continue reading

Advertisements
Standard
#VASTO2K15, About The Blog, Art, Collaborations, Cose by Night, Dare Cose, Fare Cose, Fare Cose Black Edition, Fare Cose Classics, Fare Cose Tech, Fare Mode, Grazie di tutto, Guest Posts, Il Compleanno di Fare Cose, Interviews, Lists, People, Photos, Racconti, Shootings, Stories, The Vasto Chronicles, Weekend, Wonders of the Webs

Le 5 Cose top del 2015 di Fare Cose. ft. Google Immagini.

What a time to be alive.

Il 2015 è stato un anno incredibile. Su Fare Cose. sono successe Cose che nel 2014 non ci saremmo neanche immaginati. Siamo contentissimi di quest’annata e speriamo che sia piaciuta anche a voi.

A pochi giorni dalle Feste e prima di ritrovarci tutti davanti a Carlo Conti per il conto alla rovescia, abbiamo pensato che fosse il caso di riorganizzare un po’ le idee. Ogni sito e blog e network e #brand su internet, come tradizione, sta uscendo la propria classifica di fineanno riguardo alla propria area di interesse: i 25 migliori dischi usciti solo in vinile, le 27 più belle gif di gattini, le 4 più grandi scoperte di computazione quantistica del 2015.

Per non essere da meno abbiamo deciso di fare anche noi una bella classifica. Trattandosi di un sito di nome Fare Cose. che parla di fare cose in generale, le alternative vinili, gattini e computazione quantistica ci sono sembrate tutte molto appetibili, ma anche restrittive. Ci è sembrato quindi un’ottima occasione per fare un po’ di sana autoreferenzialità e stilare una bella lista delle Cose che in questo 2015 ci è più piaciuto Fare.

In questa lista troverete le Cose che più ci hanno gasato e divertito negli ultimi 12 mesi, riassunte nelle 5 che ricorderemo sicuramente con più nostalgia negli anni a venire. Dalle palme ai palazzi di Ciny, in questa classifica c’è tutto. In più, l’audace scelta stilistica di accompagnare ogni voce con una futuristica foto stock trovata tra i primi 10 risultati di Google Immagini garantisce un certo visual appeal che vi terrà incollati allo schermo dall’ultima alla prima posizione.

Cominciamo il nostro viaggio per rivivere il 2015 partendo dal 20165.jpg

5. I piani per il 2016

Continue reading

Standard
Art, Collaborations, Fare Cose, Grazie di tutto, Guest Posts, Lettere, People, Racconti, Stories

FORMICAIO – Oliver Nostro per Fare Cose.

Oggi pomeriggio un mio amico è entrato di corsa nella redazione di Fare Cose con una cartella in mano. Era un manoscritto di un famoso autore sconosciuto degli anni 70. Americano di origini italiane, Oliver Nostro univa il beat al pulp in uno stile a metà tra Charles Bukowski e Roberto Giacobbo. Buona lettura.


Era una tipica giornata estiva a Marrakech.

Il sole picchiava forte sulla pelle delle persone riunite nella piazza del mercato, procurando ustioni sui colli variopinti; sicuramente qualche anziano sarebbe morto per il troppo caldo. Il mare, più azzurro che mai, stava lì, immobile, come indifferente all’eccessiva calura. Bagnava il litorale con un ritmo lento, ripetitivo, quasi noioso.

“Maledetto mare del cazzo” pensò un tipo che passeggiava.

Si fermò e iniziò a fissare le onde. Odiava il mare da quando gli aveva portato via suo figlio. Era successo 20 anni prima, ma lui lo ricordava come fosse 19 anni prima. Salam, così si chiamava il bambino prima di annegare; voleva fare il figo con i suoi amici, ma era morto. Stupido bambino.

“Stupido bambino” pensò il tipo. Continuava a guardare il mare dalla strada, immobile manco si chiamasse Ciro.

“Ciro, che bel nome!” gli venne da pensare, chissaperché. Fu il suo ultimo pensiero, un autobus lo travolse.

Stupido vecchio.

Gianni si svegliò. Era una tipica giornata estiva a Milano.

Continue reading

Standard