Fare Cose, Fare Cose Black Edition, Fare Cose. DJ Set, Grazie di tutto, Il Compleanno di Fare Cose, Music, People, Photos, Racconti, Tropical Future., Weekend

Il Compleanno di Fare Cose. 2. Grazie di tutto, e di più.

Foto di Cristiana Carosella, racconto di Fare Cose.

Il Compleanno di Fare Cose. 2.

Il primo Compleanno di Fare Cose. era stato una celebrazione di un ottima annata sul web per il sito. Una festa completamente sopra le righe a partire dalla location di Vasto Marina, che non aveva mai visto una festa di quel tipo ed una serata basata su musica di quel genere aperta a tutti.

Il Compleanno 2 ha ripreso molto dall’esperienza del primo ed ha colto l’occasione come scusa per organizzare un evento ancora più stravagante per Vasto Marina, per di più di Mercoledì. Con pizza gratis, line up che andava dall’indie pop alla trap, ospiti internazionali e ingresso rigorosamente gratuito, era riuscito in una settimana di pubblicazione di evento su Facebook a creare discrete aspettative.

È cominciato tutto alle 22:33, quando ho salutato degli amici arrivati al lido Sabbia d’Oro chiedendo loro perché fossero in anticipo e invece avrei dovuto ricordarmi di guardare l’orologio 3 minuti prima.

Poco male perché in quattro e quattr’otto Sam dei Baseball Gregg, aka Kanko Fetti, è salito in consolle e ha aperto le danze con le sue fresh tracks from California. Abituati all’indie pop tropicale e sognante dei Baseball non ci aspettavamo che tirasse fuori un set trap delirante, e ha lasciato tutti di stucco. “Ma ha davvero messo Rich Chigga?” “No vabbè noi non suoniamo più a sto punto, lasciamo la serata a lui” mi dicevano i DJ.

Tira fuori una cintura di Gucci dallo zaino “Non faccio mai dj set senza di lei”, e intanto accetta i primi campioni dei drink speciali della serata, il Kendrick L’Amaro e l’Another One. Buonisssimi. L. Palmer è già ubriaco dal pomeriggio.

Intanto arriva la ragazza pizza di Pizza Pazza e comincia ad aprire i primi vassoi, per la gioia dei puntualissimi, che avevano già riempito i tavolini del lido e non ci hanno messo molto a finire la prima ondata di pizza.

Finito il set di Kanko tocca ai Baseball Gregg, con un live in acustico seduti sulle sdraio del Sabbia d’Oro. Con una chitarra acustica ed una elettrica effettata a dovere (e una palma gonfiabile a fianco) ricreano perfettamente l’atmosfera dei loro brani anche senza synth e computer. Il pubblico applaude mentre si pulisce il viso unto di pizza.

icdfc no logos-34.jpg

Il gruppo saluta il pubblico e lascia il palco a L. Palmer, che riesce a dissimulare la sbronza mettendo bei pezzi ed evitando di mettere k-pop e Calcutta. Incredibilmente composto riesce nel compito di curare il passaggio dall’indie all’hip hop in modo dignitoso, prima di crollare a terra e dare il cambio a Wokem Bemo.

Bemo, che si è portato tutta la crew oltre ai suoi fans e aficionados, scalda la pista in men che non si dica. Una selezione hip hop e trap che predilige gli artisti giovani ed italiani, e fa cantare tutti.

icdfc no logos-35.jpg

Il Lido Farecose si era scaldato a dovere, fans e curiosi continuavano ad entrare ed a fermarsi per un Kendrick L’Amaro.

Tocca finalmente a The Lumberjack, che dopo aver ascoltato e ballato tutta la serata fa il culo a tutti con una tecnica impeccabile e una selezione top di trap nostrana e straniera. In consolle a saltare e fomentare la folla anche il fratello Goldentrash, che non ha resistito alla chiamata della pizza. Finito il set di Lumberjack infila la sua chiavetta nell’USB e fa partire un pezzo a sorpresa. Il Ragazzo d’Oro di Gué Pequeno e Caneda. Livelli altissimi.

icdfc no logos-26.jpg

Nell’ultimo quarto d’ora risale in consolle L. Palmer che non si regge più in piedi. Tra Canblaster, Beyoncé, K-pop, grime, Kanye dei primi album e Justin Bieber non si capisce cosa cazzo stia facendo ma al pubblico non dispiace. Riuniti tutti in una massa saltellante incollata alla consolle, non perdono neanche un po’ di carica fino allo stop delle 3:00.

Dopo saluti, bis, ultimo pezzo e “se non metti l’ultimo noi non ce ne andiamo” è ora di cacciare tutti con la forza per non prendersi una multa. È chiaro a questo punto che toccherà prepararsi al Compleanno di Fare Cose. 3 l’anno prossimo.

icdfc no logos-1-2.jpg

Grazie a tutti per essere venuti e grazie a chi ha reso possibile la realizzazione dell’evento. In particolar modo ai partner Pizza Pazza Vasto e Di Cicco Assicurazioni (via Vittorio Veneto 5 Vasto). La gallery completa sarà presto pubblicata sulla pagina Facebook Fare Cose. e ci sono un sacco di foto con la palma in cui potrete taggarvi.

Advertisements
Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s